Sistemi di controllo per gestione SEFFC e HVAC

Ing. Alessandro Temperini

Lunedì, 09 Settembre 2013
Scritto da  Ing. Alessandro Temperini
linkedin google plus

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Soluzione RingBus Belimo

Una buona parte degli edifici del terziario sono dotati di sistemi di evacuazione fumi ed hanno quindi la necessità di gestire un certo numero di serrande tagliafumo. Spesso queste serrande vengono erroneamente collegate in maniera svantaggiosa o inefficiente al sistema di rilevazione incendio ed al Building Management System dell’edificio (BMS).

La comunicazione tra BMS, rilevazione incendio e serranda sia nel funzionamento normale che in quello d'emergenza è nella maggior parte dei casi incapace di garantire la necessaria manutenzione periodica e straordinaria, Ia flessibilità dell'impianto ed il Iivello di sicurezza adeguato.

L'utilizzo inoltre di collegamenti elettrici tradizionali estesi al posto di quelli compatti via bus, comporta sia un costo dell‘impianto che un carico d‘incendio molto maggiori del previsto.

L'impiego della sistema RingBus per l'alimentazione e comunicazione con BMS e rilevazione incendi, di tutte le serrande, UTA ed estrattori presenti nelI‘edificio costituisce una soluzione semplice, economica e totalmente espandibile.

I limiti dei sistemi tradizionali di controllo, sia delle serrande tagliafuoco che tagliafumo sono:

  • Elevate carico d'incendio in conseguenza della quantità di cavi necessari
  • Maggiori tempi e costi per la progettazione e posa in opera dell'impianto elettrico
  • Ingombri del quadro elettrico
  • Difficoltà di ampliamento del sistema (rifacimento progetto e quadro elettrico)
  • Difficoltà di controllo periodico (art. 6.2 - DM 10 marzo 1998)
  • Il BMS non rileva l'accidentale chiusura di una serranda

Una notevole evoluzione di questi sistemi tradizionali è costituita dal sistema RingBus Belimo che offre un'elevata semplificazione dell'impianto elettrico utilizzando un unico modulo di campo per alimentare la serranda e comunicare con i sistemi di rilevazione incendio e BMS dell‘edificio.

Gestione-elettronica-SEFFC-Belimoll sistema RingBus si compone di:

  • Fino a 500 moduli di campo specifici per serrande tagliafuoco e per unità ventilanti
  • Un bus ad anello conforme alle specifiche EN 54 Iungo fino a 5 km
  • Una unità centrale preposta alla gestione di tutti i componenti ed al collegamento con il BMS ed il sistema di rilevazione incendio
  • Uno Scada Server dotato di touch panel per la programmazione ed il monitoraggio del sistema.

Normalmente l‘unità centrale RingBus CPU viene installata nello stesso quadro elettrico del sistema di rilevazione incendio dal quale, tramite semplici contatti puliti, riceve il segnale di allarme dalla zona interessata dall‘incendio.

Sul versante del BMS il sistema RingBus comunica in modo nativo a scelta tra i formati Modbus o LON.
In questo modo le serrande vengono viste dal BMS come qualsiasi altro elemento dell‘impianto HVAC consentendo un facile e tempestivo intervento in caso di malfunzionamento.

Si delinea cosi una gerarchia su tre liveIIi che vede al suo vertice il sistema di rilevazione incendio collegato ai suoi sensori di fumo e calore, al secondo posto il sistema RingBus, e per ultimo il sistema BMS il cui funzionamento in caso d'incendio non e indispensabile.

Lo scada server permette inoltre da un unico punto dell'impianto di poter fare la manutenzione periodica con completa chiusura ed apertura della serranda oppure in maniera "silente".

Quest'ultima modaIita veriflca il funzionamento dell'attuatore e della serranda senza ricorrere alla completa chiusura e quindi senza comportare alcuna interruzione del servizio di ventilazione.

Tale controllo non sostituisce quello completo semestrale ma permette un elevato incremento della sicurezza senza alcun effetto collaterale.

Vantaggi nell'installazione del sistema RingBus, integrato per la gestione SEFFC e HVAC:

  • Semplificazione del sistema BMS e del sistema di rilevazione incendio (non più collegati direttamente alle serrande tagliafuoco ma alla CPU del sistema)
  • Riduzione del cablaggio, degli elementi di campo e dei quadri elettrici grazie all'impiego di un unico modulo di campo con funzioni di trasformatore e di comunicazione
  • Possibilità di controllare sia il sistema di compartimentazione (serrande tagliafuoco, UTA, porte tagliafuoco ...) che di evacuazione dei fumi (estrattori, filtri fumo, finestre vani scale ...)
  • Un unico terminale di comando per la programmazione, manutenzione e test periodico.
  • Possibilità di monitoraggio da remoto tramite LAN dell‘edificio.
  • Collegamento bus con BMS (in linguaggio LON o ModBus) e con rilevazione incendi.
  • Facile programmazione degli scenari d'incendio in forma matriciale scenari/elementi,
  • Possibilità di intervento differenziato della compartimentazione per verifica falsi allarmi.
  • Possibilità di verifica "silente" periodica delle serrande tagliafuoco senza interruzione imp. HVAC.
  • Riduzione dei costi di acquisto ed installazione del sistema
  • Riduzione dei costi di manutenzione periodica e straordinaria dell'impianto.
  • Sicurezza d‘installazione e manutenzione, grazie alI'utilizzo di servomotori a 24V, non sono richieste particolari precauzioni per eventuali interventi elettrici sulle serrande.
  • Sistema a prova di black-out; in abbinamento con un gruppo di continuità o di una linea di alimentazione 230V protetta, Ie serrande e l'intero sistema permette di mantenere operativo l'impianto.

Per maggiori informazioni e approfondimenti visita il sito BELIMO. 

Guida alla classificazione dei componenti di un SEFFC

Componenti di un Sistema SEFFC e loro classificazione

Una sintesi semplice ed esaustiva dei componenti che formano un Sistema di controllo del fumo e del calore di tipo forzato

SCARICA ADESSO

Letto 9196 volte



Video


AerNova s.r.l. | Via del Commercio, 25 | 63900 Fermo (FM) | P.IVA 01368510440 | REA 130772 | Contatti | Privacy e Cookie

Questo sito utilizza cookie per fornirti un'esperienza di navigazione migliore.

Continuando a navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookiePer saperne di piu'

Ho capito