Le principali novità della nuova UNI 9494-2:2017

Ing. Alessandro Temperini

Scritto da Ing. Alessandro Temperini
Facebook LinkedIn

il 22 Marzo 2017 in Norme e Decreti

Le principali novità della nuova UNI 9494-2:2017

È stata pubblicata il 19 marzo 2017 la revisione della norma UNI 9494-2:2017 “Progettazione e installazione dei sistemi di evacuazione Forzata di Fumo e calore (SEFFC)” che sostituisce completamente la precedente UNI 9494-2:2012.

La revisione della norma UNI introduce importanti aggiornamenti che, come vedremo di seguito, riguardano l’approccio progettuale dei sistemi SEFFC e fa maggiore chiarezza su argomentazioni poco approfondite nella precedente edizione del 2012.

UNI 9494-2:2017: punto per punto le principali novità

1. Ambienti fino a 400 m2

Il campo di applicazione diretto non cambia, restando direttamente applicabile in comparti con superficie tra i 600 ed i 1.600 m2, ma viene fatto un ulteriore chiarimento per gli ambienti di piccola dimensione con superficie fino a 400 m2.

In particolare per questi ambienti, per gruppi di dimensionamento GD2, possono essere impiegate le stesse portate di estrazione espresse dalla norma.

2. Altezza in ambienti dotati di controsoffitto

Essendo la controsoffittatura, a prescindere dal suo comportamento all’incendio, una limitazione alla diffusione dei fumi, nel caso di ambienti dotati di controsoffitto vengono specificate le caratteristiche che devono avere tali componenti architettonici per essere considerati permeabili ai fumi e di conseguenza individuare correttamente l’altezza per la corretta progettazione.

3. Aperture per l’afflusso dell’aria esterna

Rispetto alle aperture per l’afflusso di aria esterna (porte, finestre, …) Viene esplicitamente indicata la possibilità che queste vengano azionate manualmente tramite l’intervento del personale di emergenza.

4. Aperture di aspirazione

La nuova 9494-2:2017 introduce un nuovo modo di determinare la loro dimensione legato alla distanza dal limite inferiore dei fumi, ciò permette maggiori garanzie di evitare l’effetto del Plug-holing.

5. Dispositivi di azionamento e controllo

Vengono trattati in modo molto approfondito i “Dispositivi di azionamento e controllo” definendo i tipi di collegamento realizzabili tra i moduli di campo dei vari componenti del Sistema SEFFC, e sono esplicitamente indicate le modalità di collegamento non più consentite.

6. Appendice per i sistemi di smaltimento

È stata introdotta un’appendice per il dimensionamento dei sistemi per lo smaltimento del fumo in riferimento alle disposizioni del DM 03/08/2015.


In conclusione è possibile affermare che la struttura della nuova UNI 9494-2 del 19 marzo 2017 ed i principi base per il dimensionamento sono rimasti pressoché gli stessi della precedente edizione del 2014.

Tuttavia, in linea con un processo nazionale di implementazione normativa, è sta fatta chiarezza su molti aspetti fino ad ora mai affrontati, rendendo la progettazione dei Sistemi di controllo dei fumi e del calore SEFFC sempre più accurata e coerente con le esigenze di una legislazione e di un mercato in continua evoluzione.

Potrebbe interessarti anche l’articolo Guida al dimensionamento dei sistemi SEFFC secondo UNI 9494-2:2017″.

Ti segnaliamo la pagina ufficiale nel sito UNI per il download della norma UNI 9494-2:2017.

Per approfondire in modo completo tutte le novità della UNI 9494-2 di marzo 2017 scarica la nostra Guida Pratica.

Ti è piaciuto questo articolo?

Se ti fa piacere puoi condividerlo con i tuoi colleghi

 

4.627 letture