Linee Guida all'applicazione Decreto Impianti DM 20/12/2012

Francesco Maria Sebastiani


Scritto da 

Tempo di lettura: 3 minuti

Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri, su proposta del Gruppo di Lavoro Sicurezza, ha condiviso nel corso della seduta del 24/02/2016, le “linee guida all’applicazione del DM 20/12/2012 – Decreto impianti”, elaborate dalla Commissione Sicurezza Antincendio della Consulta Regionale degli Ordini degli Ingegneri della Lombardia (CROIL).

L'obiettivo è di fornire un utile supporto per i professionisti nella formulazione delle specifiche tecniche degli impianti di protezione attiva contro l’incendio e della relativa documentazione progettuale richieste dal DM 20/12/2012 nell’ambito dei procedimenti di prevenzione incendi.

Queste linee guida suggeriscono una traccia per la compilazione della documentazione progettuale, secondo quanto previsto dall’art. 3 del DPR 151/2011 per le attività di categoria B e C, per gli impianti di illuminazione e sicurezza, rivelazione ad allarme incendio, idrico antincendio (idranti, naspi, sprinkler) e per i Sistemi per il controllo del fumo e calore.

Vengono riportate le relative specifiche tecniche, la documentazione di progetto specifica delle varie fasi progettuali, i riferimenti normativi e gli schemi a blocchi.

La guida si completa includendo, tra gli allegati, sia il Decreto 20/12/2012, sia un esempio di “Dichiarazione di Conformità” ed un esempio di “Dichiarazione di corretta installazione e funzionamento dell’impianto”.

Obblighi per i Sistemi di controllo del fumo e del calore

Specificatamente per i Sistemi di controllo del fumo e del calore, la guida evidenzia come il Decreto Impianti introduca obblighi coerenti ed equiparabili nel DM 37/2008, in particolare:

  1. obblighi di progetto firmato da tecnico abilitato;
  2. esecuzione dell’impianto secondo la regola dell’arte, conformità dell’impianto dichiarata dall’installatore del sistema (PIN 2.4:2012 DICH-IMP, scarica tutta la modulistica) e consegna di documentazione finale dell’impianto e manuale di uso e manutenzione;
  3. esercizio e manutenzione dell’impianto SEFFC (leggi qui l'articolo di approfondimento) secondo la regola dell’arte e registrazione delle operazioni.

Potrebbe interessarti anche il nostro articolo per chiarire chi sono il tecnico abilitato e il professionista antincendio secondo il DM 20/12/12.

Tale linea guida è da intendersi come supporto di lavoro per il professionista antincendio che potrà autonomamente decidere se, ed in quale misura, applicane e adottarne i contenuti.

Essa rappresenta semplicemente un ausilio alla modalità di formulazione e di compilazione delle “specifiche tecniche” e della relativa “Documentazione progettuale”.

Qui puoi scaricare il documento completo sul Decreto Impianti

 

Guida pratica alla progettazione dei SEFFC secondo 9494-2:2017

Guida Pratica alla progettazione secondo UNI 9494-2:2017

Una guida di ausilio per il dimensionamento di sistemi di evacuazione forzata di fumo e calore (SEFFC) secondo UNI 9494-2:2017.

SCARICA ADESSO

Letto 2071 volte



© Tutti i diritti riservati - AerNova s.r.l. | Via del Commercio, 25 | 63900 Fermo (FM) | P.IVA 01368510440 | REA 130772 | Contatti | Cookie Policy | Privacy Policy

Questo sito utilizza cookie per fornirti un'esperienza di navigazione migliore.

Continuando a navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookiePer saperne di piu'

Ho capito
Ti è piaciuto questo articolo?
Se ti fa piacere puoi condividerlo con i tuoi colleghi